Architettura

Il primo sforzo per raggiungere l’ecosostenibilità del Resort è stato compiuto in fase progettuale.
La collocazione in uno degli scenari più belli ed incontaminati della zona, il Parco dell’Alto Garda, così come la necessità di creare una struttura efficiente dal punto di vista logistico ed energetico hanno rappresentato la prima sfida per i nostri progettisti.

Integrazione morfologica

Lefay Resort & SPA Lago di Garda non è stato concepito come un unico edificio massiccio, bensì come singole unità inserite nel pendio della collina e dunque adeguate alle caratteristiche morfologiche del paesaggio.
Tutti i servizi principali sono concentrati in un edificio centrale estremamente arioso e trasparente; da qui si estendono lungo il pendio i corpi laterali ricoperti di verde nei quali sono state disposte le camere. Grazie ai tetti coperti dalla vegetazione, le camere, viste dall’alto, sono quasi indistinguibili dal verde circostante.

Questa peculiarità progettuale ha implicato un notevole impegno in fase costruttiva dovendo movimentare e poi smaltire circa 60.000 m3 di terra.
Tuttavia questi sforzi sono stati ripagati da un risultato finale decisamente oltre le aspettative: il Resort, infatti, è pienamente integrato nel paesaggio circostante e l’impatto visivo dalla costa del lago è decisamente inferiore a quello di strutture preesistenti di dimensioni inferiori.

Per quanto riguarda invece l’architettura si è deciso da subito di non adottare una tipologia costruttiva che puntasse a un design innovativo e di grido ma totalmente slegato e in contrasto con l’ambiente circostante. Per questo i nostri progettisti, con grande umiltà, si sono guardati intorno e si sono ispirati alle limonaie, costruzioni tipiche dell’Alto Garda, caratterizzate da pilastri in pietra e legno, utilizzate per coltivare i limoni.

Isolamento termico

La struttura è stata inserita perfettamente nelle balze della collina, permettendo così una minore dispersione di energia e di calore verso l’esterno. I blocchi delle stanze e la zona SPA, grazie all’orientamento verso Sud e le finestre realizzate con vetrate atermiche, riescono a raggiungere un elevato livello di isolamento termico: dal freddo in inverno tramite produzione passiva di energia solare, dal caldo nei mesi estivi, grazie a sistemi di ombreggiatura mobili applicati nella parte frontale dei balconi.

Il riscaldamento e il raffreddamento delle stanze e delle aree comuni sono ottenuti mediante sistemi radianti a bassa temperatura posizionati nei soffitti e nei pavimenti. In tal modo si ha un doppio beneficio: da una parte nessun flusso di aria corrente né fredda né calda colpisce l’Ospite mentre si trova all’interno della stanza, dall’altra grazie a questo sistema non viene generato nessun rumore che potrebbe risultare di disturbo.

Materiali naturali

Il rispetto della bellezza dei luoghi e della natura a Lefay Resort & SPA Lago di Garda si ritrova anche nell’interior design, realizzato con l’utilizzo di materiali naturali in prevalenza provenienti dal territorio. In particolar modo si può ritrovare questa attenzione nella selezione dei materiali nell’arredamento della Sua camera.
I materiali utilizzati sono il legno d’ulivo per il parquet, noce nazionale per gli arredi e marmo rosso di Verona per il pavimento d’ingresso e il bagno. Tutti i tessuti, comprese le lenzuola del Suo letto, sono realizzati in fibra di cotone naturale senza nessun trattamento chimico. Anche per le pitture sono state utilizzate vernici ad acqua non chimiche.

Integrazione Morfologica
Materiali naturali
Architettura
Integrazione Morfologica
Materiali naturali

I commenti sono chiusi.